News

Pat Cup 2022: tutte le foto e il racconto della giornata

Giornata di pallanuoto, agonismo, caldo e tanta tanta birra. Si è giocata domenica 19 giugno, nelle piscine di Lamarmora e Mompiano, a Brescia, la settima edizione del trofeo Pat Cup, memorial che I Magnifici dedicano, dal 2013, a una loro grande tifosa, Patrizia Mannarelli. 12 squadre partecipanti, circa 150 atleti e due impianti utilizzati, la Piscina Mompiano, solo al mattino, e quella di Lamarmora, dove, oltre ai gironi, hanno avuto luogo anche le semifinali e le finali.

Tutti grandi giocatori, tra giovanissimi e meno giovani, che si sono dati battaglia fino all’ultimo minuto e dove nessuno ha sfigurato, mantenendo un livello molto alto a partire dalla finale 11-12 posto, dove Los Pollos Cormanos è riuscita ad avere la meglio sugli esperti Master CUS, sfortunati nella combinazione dei gironi.

Altrettanto poco fortunati sono stati i Tomino Por Favor che si sono trovati a giocare la finale 9-10 posto dopo essere riusciti, solo pochi anni fa, a portarsi a casa la coppa più preziosa del Pat Cup. Nomi stellari al loro interno, pur poco allenati, che hanno saputo comunque vincere la loro finale a discapito dei Magnifici, che si sono accontentati, così, della decima piazza.

Più in alto, all’ottavo posto, si sono ritrovati gli amici di Kimbo Master Mestre, di capitan Zito, che dopo un buon girone, sono stati sconfitti da Centese e costretti a giocarsi la finale 7-8 ottavo posto, persa contro Pallanuoto Crema. La compagine cremasca, al suo debutto al Pat Cup, aveva rischiato il colpaccio ai quarti di finale, cedendo solo ai rigori contro i temutissimi di Palombella. Forse scoraggiati dall’episodio, non sono così riusciti a giocarsi al meglio la semifinale per una piazza più alta, ma le cannonate di Formis e Marchesi hanno comunque consentito alla squadra di chiudere in bellezza.

Tra le finali più belle, quella tra Centese e Team A.S. Turbo si è risolta solo ai rigori dove un volo all’incrocio di Lonardi ha neutralizzato il rigore finale e concesso la vittoria a Centese, che ha conquistato così un meritato quinto posto. Sesti i simpaticissimi ragazzi di Ascoli Piceno che, però, hanno, come sempre, vinto la gara di birre.

Tra le sorprese, in positivo, del torneo, la squadra CUS Geas Promozione che ha brillantemente superato il proprio girone al primo posto riuscendo poi facilmente a battere ai quarti di finale Centese. Solo uno scontro con i mostri di Jager Master non ha dato la possibilità ai ragazzi di coach Arnaud di giocarsi la finale importante. La finale 3-4 posto ha quindi visto scontrarsi Cus Geas contro i terribili Veličanstveni Vaterpolo, la seconda squadra de I Magnifici che vedeva tra le proprie fila dei ragazzi serbi programmati per vincere. Tutto liscio fino alla semifinale contro Palombella. Poi, una partita senza storia a favore dei bergamaschi ha infranto i sogni di gloria di Raznatovic e compagni che si è però consolato con un terzo posto conquistato e la palma di top scorer del torneo (14 reti).

E arriviamo alla finalissima. Forti di un percorso perfetto e a punteggio pieno, Jager Master e Palombella, trascinate dai loro bomber Pitton (13 reti) e S. Chiacchio (13 reti) hanno giocato fino all’ultimo respiro un match deciso solo a 30 secondi dalla fine, quando una controfuga con gol nell’angolo basso da parte di Bettineschi ha chiuso le danze e decretato Jager Master vincitori del torneo per la quarta volta (le altre nel 2016, 2017 e 2019).

È possibile vedere e scaricare tutte le foto del torneo al seguente link: Facebook

Leave a Reply