I Magnifici Vs Polì Novate

I Magnifici 6 - 4 Polì Novate
29 Mag 2022 - 18:15Piscina Seregno

Metti un paio di passaggi telecomandati, tre superiorità fatte bene, una ripartenza fulminea e un tiro avversario che si ferma sulla linea, mescola tutto e ottieni la vittoria conquistata contro Polì Novate. Partita ma in discussione sotto il profilo del gioco, lo è stata eccome sotto quello del punteggio. Polì Novate non è riuscita a pareggiare per un paio di conclusioni sbagliate, non certo perché I Magnifici non abbiano lasciato la possibilità di farlo. Montagne di tiri da parte dei coniglietti (20) contro una fetta meno degli avversari (14) riescono a fare la differenza in un match dove il portiere del Polì Novate compie almeno 2/3 parate fondamentali, cosa che non riesce a Jose. Errori da una parte e dall’altro rendono la partita poco godibile, mentre a far godere sono i passaggi di Artist Marengo, prima per la corrente Cecchino che scaglia in porta da posizione tutt’altro che semplice, poi per il passante ferroviario Serao che scaglia in rete da vero killer. Ci sono partite giocate meglio, ma anche altre giocate meglio… ma perse. Quindi va bene così

Jose Segovia Rodriguez: 5. Quelle che gli arrivano addosso le prende. Sulle altre non ci prova neanche. È stanco e anche i rilanci sono imprecisi… come molti tiri avversari, per fortuna

Francesco Carli: 6. Con il braccio che si ritrova, doveva portarsi a casa difesa e portiere, invece deve sudare sette camicie per centrare la porta. Per il resto, qualche espulsione e tiro sbagliato di troppo

Alberto Marengo: 8. Man of the Match. Quando il dittatore coreano Kim Jong-un va in giro, è circondato da fedeli assistenti con taccuini in mano che prendono appunti, perché guai a perdersi una delle tante perle di saggezza che esibisce il grande leader. Allo stesso modo, i compagni di Artist Marengo hanno sempre con sè un compasso e un block notes resistenti all’acqua per poter calcolare le coordinate cartesiane delle sue parabole

Daniele Fusto: 6. Prova a chiuderla con una legnata sotto il sette che viene catapultata fuori dal portiere. Dà ordine ai compagni, a volte con espressioni dialettali che capiscono in pochi, e si fa trovare pronto in acqua fino a esaurimento scorte

Lorenzo Vignati: 6,5. Dopo un paio delle sue cazzate, si riprende e mette in crisi gli avversari, prima facendo espellere difensore e portiere, poi fornendo un assist e il gol finale, quello della liberazione

Andrea Cruciani: 4. Quando hai la doppia superiorità con il portiere nel pozzetto e dopo 4 secondi tiri alto… devi telefonare al coach e ringraziarlo della sua magnanimità per averti dato 4

Ludovico Cassani: 5,5. Spara due fischioni alla Ludo che finiranno col far venire l’esaurimento nervoso al coach. In difesa gioca bene, e l’unica espulsione a sfavore è insostenibile

Matteo Scarduelli: 7,5. Non bastano i grandi passaggi, bisogna saperli concretizzare. E lui ci riesce. In un un paio di occasioni. Il problema sono le altre tre non concretizzate. Ma il passo in avanti è notevole

Davide Gandolfi: 5,5. I primi minuti hanno il sapore del controfallo e sono inguardabili. Prende qualche buona superiorità ma è lontanissimo dalla forma adeguata

Silvano Bertazzo: 5. A volte ci si chiede se il giocatore degli allenamenti è lo stesso che scende in acqua per le partite. Stanco, impacciato e timoroso. Con il sinistro che ha, un vero peccato

Valerio Serao: 7. Dimostra il suo grande stato di forma finendo nel tabellino dei buoni anche a sto giro. Impiegato in diverse posizioni, non delude mai

Giovanni Bella: 6. Buon punto di riferimento in avanti, anche se poco servito dai compagni, è un valido aiuto anche per spezzare le azioni avversarie

C– Dario Di Cesare 5. In sofferenza tutta la gara, si fa carico di 3 espulsioni temporanee dopo una partita di grande sacrificio ma comunque non brillante

Coach: 7. Riesce a condurre la partita sul binario giusto e, pur apparendo a tratti confusionario tra difesa a uomo o a zona, gestisce bene i time-out e i cambi, questa volta…